Disabilità

Le politiche e gli interventi regionali in materia di disabilità

La Regione Friuli Venezia Giulia (Regione FVG) è attualmente impegnata in un processo di riforma del settore della disabilità che, in linea con i più recenti orientamenti scientifici e indirizzi normativi nazionali e internazionali, si propone di riconsiderare il tema della disabilità e di intervenire sulla regolazione e sull’innovazione dei sistemi di risposta dei servizi.

A tal proposito, con riferimento all’annualità 2015, la Regione FVG ha realizzato una preliminare ricognizione del sistema di offerta dei servizi residenziali e semiresidenziali per le persone con disabilità e, in particolare, della rete dei servizi coinvolti nella presa in carico, delle fonti di finanziamento e delle tipologie di servizi previste dalla normativa vigente (L.R. 41/1996).

Successivamente, con DGR 1036/2017, è stato avviato un flusso informativo tra la Regione FVG e gli enti gestori di servizi residenziali e semiresidenziali previsti dalla L.R. 41/1996, finalizzato a garantire in via continuativa le informazioni necessarie al summenzionato processo di riforma, nonché al governo del sistema e alle relative decisioni di carattere pianificatorio e programmatorio.

Le politiche e gli interventi regionali in materia di disabilità

Inoltre, a partire dal 2017, è stato avviato il percorso per la valutazione delle condizioni di vita delle persone con disabilità che usufruiscono dei servizi semiresidenziali e residenziali, previsti dalla L.R. 41/1996, ed è stato adottato, in via sperimentale per l’anno 2017, lo strumento per la valutazione delle condizioni di vita delle persone con disabilità (Q-VAD).

Le attività di ricognizione e approfondimento realizzate in questi ultimi anni sono da considerarsi quale fondamento per futuri interventi normativi e programmatici che debbono essere in grado di riconoscere e valorizzare quanto più possibile diritti, bisogni, preferenze e aspettative delle persone con disabilità e delle loro famiglie.

Nel 2019 l’Amministrazione regionale ha approvato alcune disposizioni in materia di integrazione e assistenza sociosanitaria che, lungo la direttrice dell’innovazione, riconoscono la centralità della persona e del suo progetto di vita e favoriscono la mobilitazione integrata delle risorse istituzionali e della comunità.

In particolare, le modifiche apportate alla L.R. 41/1996, con riguardo all’introduzione dell’art.20 bis, segnano l’avvio di un punto di svolta nella riconsiderazione complessiva del tema della disabilità e della regolazione dei servizi ad essa dedicati. Con la suddetta modifica, la Regione FVG ha promosso le sperimentazioni per l'innovazione del sistema dei servizi per le persone con disabilità, in armonia con i principi previsti dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità e in coerenza con le disposizioni in materia di livelli essenziali di assistenza.  Si tratta di un intervento  volto a introdurre un nuovo modo di pensare e progettare risposte appropriate, facendo leva sulle capacità degli attori pubblici e privati del sistema regionale dei servizi di cooperare in partenariato, al fine di massimizzare la qualità dell'offerta e l'efficacia d'impiego delle risorse.

La L.R. 22/2019, inoltre, ha introdotto un insieme di disposizioni in materia di integrazione sociosanitaria volti a garantire percorsi integrati a persone con bisogni assistenziali complessi in diverse aree, tra cui quella relativa alla disabilità. In aderenza ai principi e alle disposizioni in materia, la Regione ha adottato apposite Linee guida per l'area di bisogno della disabilità dedicate alla presa in carico integrata (Sub-allegato A approvato con DGR 1134/2020).